Regali, cosa chiedere a Babbo Natale?

34360367_gifts-3835455_960_720
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Natale si avvicina ed è ora di pensare ai regali. Possiamo fare le nostre richieste a Babbo Natale, o Gesù bambino se si preferisce, ed eventualmente possiamo aiutarli andando a scegliere di persona, infatti nonostante il lockdown, che sia rosso arancione o giallo, si può ancora fare shopping, nei negozi e online. Si possono anche pensare regali con un occhio di riguardo alla solidarietà, visto il periodo, e aiutando associazioni di volontariato.

Bambini e ragazzi: stimolare fantasia e creatività

Cosa regalare a un bambino per Natale? Le scelte sono davvero infinite e naturalmente, tra le idee regalo più adatte, ci sono sempre i giocattoli soprattutto se i bambini sono ancora piccoli. Per loro sono particolarmente indicati tutti quei giochi che stimolano la fantasia e la creatività: puzzle, costruzioni, cubi e tutti i materiali da disegno. A bambini non più piccolissimi è bello regalare giochi da fare all’aperto, anche in questo momento di “isolamento sociale”: freesbee, rete e racchette, arco e frecce, canestro da appendere e palla da basket, corda per saltare, pattini, skateboard o waveboard. Molto interessanti sono anche i giochi che insegnano “coding” e programmazione anche ai più piccoli. Se il regalo invece è per ragazzini più grandicelli, la scelta può ricadere su kit per costruire robot, droni o ancora macchine fotografiche e penne 3D. E se proprio siete indecisi potete sempre regalare un buon libro, dono perfetto per ogni età.

Regalare un profumo: in inverno fragranze intense e avvolgenti

Un profumo è spesso il dono preferito da fare in una coppia. Coco Chanel affermava che il profumo “è l’accessorio di moda basilare, indimenticabile, non visto, quello che preannuncia il tuo arrivo e prolunga la tua partenza”. Ogni profumo è concepito secondo una piramide olfattiva divisa in tre parti: le note di testa che si sentono subito dopo averlo spruzzato, fresche, leggere ed effimere; le note di cuore che appaiono nel giro di qualche minuto e le note di fondo, consistenti e profonde che fanno durare il profumo nel tempo. Solo dopo un’ora, quando sono comparse tutte le note, si può sentire il vero odore di un profumo. Pertanto, se decidiamo di acquistare un profumo per noi o da regalare è assolutamente necessario avere un po’ di tempo: non ci si può basare sulla prima impressione. Ricordiamo poi che si deve testarlo sulle zone in cui si sente il battito del cuore (collo e polso) e aspettare. Se non convince, si deve eliminare il precedente e provarne un altro, così fino a quando non si trova quello giusto. Il profumo poi, segue le stagioni. In autunno-inverno si devono indossare essenze più profonde e piene, in quanto le piramidi olfattive in questi mesi si fanno più intense e avvolgenti. I profumi pensati per la stagione fredda sono infatti più penetranti, decisi e profondi.